Centro unico di prenotazione: +39 06 7008388

Andrologia

L’andrologia è diventata una scienza a sé stante solo dalla fine degli anni sessanta, principalmente grazie all’opera del dermatologo tedesco C. Schirren, che fondò un giornale specializzato sull’argomento (intitolato prima Andrologie e successivamente Andrologia, dal latino) pubblicato per la prima volta nel 1969. Attualmente le patologie di pertinenza andrologica hanno assunto un’importanza molto rilevante, tali da potere essere inquadrate come vere e proprie malattie sociali. Basti pensare al sostanziale aumento dell’incidenza, scientificamente provata, di problematiche quali l’infertilità maschile e le disfunzioni erettili, alle quali si associano, e talvolta ne sono causa, patologie tipiche dell’uomo da sempre oggetto di studi, inerenti alla sessuologia e la sfera prostato-vescicolare. Alla Praxis DS lavora un’equipe di andrologi impegnati nel campo scientifico e professionale il cui responsabile è il Fondatore e Past President di Andros Italia associazione di andrologi per la ricerca e la divulgazione dell’Andrologia www.andrositalia.org

Ecografia Prostatica

Ecografia prostatica è l’indagine di elezione nello studio della prostata. Le componenti anatomiche ghiandolari sono perfetta-mente delineate dalle sonde transrettali che, grazie all’ele-vata frequenza e alla vicinanza all’area di interesse, pos-seggono una risoluzione spaziale assai elevata. L’ecografia prostatica con sonda transrettale ha il vantaggio di una migliore rappresentazione morfologica della prostata, consentendo l’immediato apprezzamento di asim-metrie, specie a livello della porzione periferica. Il limite di questa tecnica è nella definizione non sufficientemente pre-cisa dei rapporti della base prostatica con l’impianto delle vescicole seminali e con il pavimento vescicale. La sonda lineare meglio si presta a questo tipo di valutazioni; inoltre ha il vantaggio di un possibile impiego nello studio dinamico della minzione, relativamente alla regione del collo vescicale e alla porzione craniale dell’uretra. Nell’ipertrofia benigna, la porzione centrale della ghiandola è sede dell’adenoma, la cui ecogenicità è in genere medio-bassa. Nel contesto dell’adenoma vi possono essere disomogeneità strutturali in relazione ad addensamenti calcolosi o zone di necrosi e scleroialinosi. La porzione periferica della ghiandola risulta compressa dalla massa adenomatosa, ma non direttamente interessata. L’ecografia prostatica può essere eseguita per via trans rettale o sovra pubica, ma sicuramente lo studio combinato permette una valutazione più corretta dell’organo e di evnetuali alterazioni, oltre a permettere anche l’identificazione di patologie vescicali. Eseguita in fase postminzionale, grazie a programmi computerizzati dell’apparecchiatura ecografica, è possibile calcolare direttamente, e con buona approssimazione, l’entità del volume urinario residuo. Ai fini dell’infertilità lo studio della prostata è importante poiché essa arricchisce il liquido seminale di importanti componenti L’ecografia prostatica , naturalmente, riveste un’importanza particolare nella diagnosi del carcinoma prostatico. Il carcinoma prostatico prende origine, nella grande maggioranza dei casi, dalla regione periferica della ghiandola; la sua ecogenicità è in genere medio-bas-sa nei tumori di piccole dimensioni, mentre nelle infiltrazioni ghiandolari diffuse si assiste a un incremento del segnale, con aspetto disomogeneo. La sensibilità dell’Ecografia prostatica nel rilevare il nodulo neoplastico è assai elevata, tanto che è di comune riscontro il carcinoma di piccole dimensioni, inferiore al centrimetro, spesso clinicamente non apprezzabile. Una volta individuato un nodulo prostatico è possibile procedere alla biopsia sotto guida sempre ecografica. L’ecografia è inoltre importante nella stadiazione locale del carcinoma prostatico, in quanto può riconoscere i segni di una diffusione extraghiandolare della neoplasia con interessamento del tessuto periprostatico, delle vescichette seminali e del pavimento vescicale.un’esame di recentissima introduzione che viene eseguito nel Centro PRAXI PROVITA e Praxis ds è rappresentato dal PCA3 (Prostate CAncer gene 3). E’ un’ indagine genetica che permette di identificare precocemente i soggetti a rischio di sviluppare il carcinoma della prostata, che viene eseguita solo nei nostri laboratori Praximedica ( che offrono il service ad altri importanti laboratori) e in qualche ospedale romano. Il PCA3, contrariamente al PSA, è specifico per il cancro della prostata. Questo significa che è prodotto unicamente dalle cellule di tumore prostatico e non è influenzato dalle dimensioni della prosta.

Eco-color Doppler Scrotale

L’Eco-color Doppler testicolare è la metodica non invasiva d’eccellenza per la diagnosi del varicocele (una dilatazione dei vasi che drenano il sangue dal testicolo verso il cuore) anche di modesta entità. L’esame viene condotto con una sonda ad alta frequenza ricoperta di uno strato di gel che viene poggiata allo scroto in posizione eretta e supina. L’Eco-color Doppler permette l’identificazione di malattie vascolari, sia arteriose che venose visualizzando graficamente il movimento del sangue nei vasi sanguigni, la forma dei vasi stessi, le loro eventuali alterazioni e piccole lesioni delle pareti vascolari. Agoaspirato ed biopsia testicolare Consigliabile nei casi in cui lo spermiogramma (o un successivo trattamento di centrifugazione su gradiente discontinuo) non sia in grado di rilevare la presenza di spermatozoi nell’eiaculato. Questa metodica permette di isolare minime frazioni tissutali direttamente dai vari distretti testicolari (polo superiore, medio, inferiore ed epididimo), e di analizzarli approfonditamente e compiutamente per rilevare la presenza di spermatozoi e quindi confermare o meno un eventuale esito di azoospermia.

Penoscospia

La penoscopia èun’ indagine diagnostica di II° livello che consiste nel visionare a forte ingrandimento i genitali maschili (pene) servendosi di un particolare microscopio: il colposcopio. L’esame è indolore, non è invasivo né traumatico, non serve anestesia. Il fine di questo esame è quello di effettuare una diagnosi precisa soprattutto nel caso di malattie sessualmente trasmesse o M.T.S come Herpes genitalis, condilomi o infezione da HPV, Mollusco contagioso ecc. Questo consentirà un’eradicazione completa della patologia infettiva di coppia. In Praxis DS la Penoscopia è eseguita dallo Specialista Andrologo-Urologo